Privacy Policy

Istruzioni per la domanda di Visto

Istruzioni per la domanda di Visto


Si prega di leggere attentamente queste istruzioni, al fine di evitare che le persone non vengano ricevute allo sportello o che venga addebitato un diniego per mancata o incompleta documentazione.

• Allo sportello non saranno accettate persone con appuntamento intestato ad altre persone (farà fede il PASSAPORTO) o documentazione differente da quella della tipologia di visto prenotato.

• L’orario di prenotazione è indicativo. Il richiedente dovrà pertanto presentarsi in Ambasciata la mattina alle 08:30 per iniziare le operazioni di controllo della documentazione (non verranno ricevute persone che si presentino oltre le 8:30).

• All’ingresso il richiedente dovrà presentare il passaporto in corso di validità, se non già consegnato, unitamente al carnet d’identità.

• Richieste di modifica della data di appuntamento inoltrate via fax, posta elettronica o telefono non saranno prese in considerazione, considerato che tali modifiche possono essere effettuate direttamente dall’utente sul sito dell’Ambasciata.

• Tutta la documentazione richiesta dovrà essere presentata al momento dell’intervista. La mancanza di un documento, omissioni od errori, porterà all’immediato diniego del visto a causa di documentazione incompleta.

• Presentare tutta la documentazione in originale + una fotocopia. Tutti i documenti compilati a mano e firmati con penna BLU

• Il pagamento del servizio dovrà essere effettuato al momento della consegna della
documentazione, insieme al passaporto, senza che ciò assicuri il rilascio
del visto. Visto turismo (1 – 90 gg) Euro 60,00 (bisogna pagare in Euro – non sono accettate altre valute.)

• Al pagamento dei diritti, da effettuarsi in contanti al momento della consegna dei documenti, verrà rilasciata una ricevuta. Di norma i diritti per i visti (60,00 Euro) non sono rimborsabili, indipendentemente dalla decisione finale in merito al rilascio del visto.

• Documenti inviati via fax o posta direttamente all’ufficio dell’Ambasciata NON saranno presi in considerazione.

• Nel corso dell’esame delle domande di visto. L’Ambasciata può, ove necessario, chiedere documenti supplementari, non menzionati nell’elenco dei documenti sotto riportati.

• Il ricevimento delle domande agli Sportelli Visti avviene per prenotazione elettronica; è
pertanto imprescindibile, ai fini dell’accettazione allo Sportello, munirsi della stampa dell’assegnazione del turno.

LA DOMANDA DEL VISTO TURISTICO ALLO SPORTELLO DELL’AMBASCIATA DOVRÀ EFFETTUARSI PERSONALMENTE DEL RICHIEDENTE, OVVERO DAL CITTADINO CUBANO, NON PRIMA DI 90 GIORNI DALLA DATA DEL VIAGGIO.
“Calcolate dalla data dell’intervista circa 4 settimane e da lì fate partire i 90 giorni, per esempio: intervista il 01/03 + circa 4 settimane si arriva al 31/03 (data di arrivo in Italia) da quel giorno, compreso, contate 90 giorni precisi si arriva al 26/06 (data di partenza dall’Italia). Queste due date dovranno essere messe su tutta la documentazione, polizza sanitaria, prenotazione del volo ecc.”
LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA (SEMPRE IN ORIGINALE + FOTOCOPIA) CONSISTE IN:

1 – MODULO UNIFORME DI DOMANDA COMPILATO E FIRMATO DAI RICHIEDENTI È IL MODULO UNIFORME SCHENGEN CHE DEVE ESSERE COMPILATO DAL RICHIEDENTE IL VISTO (IL CITTADINO CUBANO).
E’ il modulo uniforme Schengen che deve essere compilato e firmato dal richiedente (il
cittadino cubano); generalmente viene consegnato e fatto compilare in ambasciata prima dell’intervista.

2 –  UNA FOTO TESSERA.
Fare due foto formato carnet del cittadino cubano e portarle all’Ambasciata.

3 – PASSAPORTO CHE ABBIA UNA VALIDITA SUPERIORE A TRE MESI DOPO LA DATA PREVISTA PER LA PARTENZA DAL TERRITORIO DEGLI STATI MEMBRI.
Portare il passaporto in originale del cittadino cubano + una fotocopia delle pagine della foto e della firma. Il passaporto deve avere una validità superiore a tre mesi dopo la partenza dall’Italia.

4 –  PRENOTAZIONE AEREA DEL VIAGGIO DI ANDATA E RITORNO.

5 –  ASSICURAZIONE SANITARIA VALIDA PER TUTTI I PAESI DEL TERRITORIO
SCHENGEN PER L’INTERO PERIODO DEL SOGGIORNO
(copertura minima 30.000,00 Euro).
Per tutti gli associati: 30 Giorni a €.51,00 – 60 Giorni a €.81,00 – 90 Giorni a €.105,00
più 15 euro per gestione ed invio pratica

6 –  LETTERA DI INVITO ITALIANA IN ORIGINALE, COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI DALL’INVITANTE, DATATA E FIRMATA. LA DATA DELL’INVITO DOVRA’ ESSERE RAGIONEVOLMENTE RECENTE O COMUNQUE NON ANTERIORE AI TRE
MESI DALLA SUA PRESENTAZIONE ALL’UFFICIO.

7 – DICHIARAZIONE DI MANTENIMENTO
E’ l’Autocertificazione con la quale dimostri di contribuire al mantenimento del cittadino cubano invitato

8 –  “FIDEJUSSIONE BANCARIA” O “POLIZZA FIDEJUSSORIA” (artt. 4 e 5 D. lgs 25.07.1998, N.286); Documentazione trasmessa da polizza per stranieri
Per tutti gli associati: €.100,00 più 35 euro per gestione ed invio pratica

9 – FOTOCOPIA DELLA CARTA D’IDENTITA O DELLE PAGINE DEL PASSAPORTO RECANTI I DATI ANAGRAFICI E LA FIRMA DELL’INVITANTE ITALIANO; OVVERO
FOTOCOPIA DEL PERMESSO DI SOGGIONRO E DEL PASSAPORTO NAZIONALE
DELL’INVITANTE STRANIERO RESIDENTE IN ITALIA.
Importante: allegare le copie dove c’è la firma e la firma sui documenti allegati (polizze e lettera d’invito) deve corrispondere a quella del passaporto – carta d’identità

10 –  PRECEDENTI PASSAPORTI RECANTI I VISTI OTTENUTI IN PASSATO O
CERTIFICADO DE MOVIMIENTOS MIGRATORIOS.
Se il cittadino cubano ha già viaggiato presentare giustificativi (visti sui passaporto –certificato migratorio)

11 – TITOLI DI PROPRIETÀ DI BENI IMMOBILIARI, QUALORA POSSEDUTI DAI
RICHIEDENTI NEL PAESE DI ORIGINE.
Se il cittadino cubano è proprietario di casa, presentare i documenti attestanti la proprietà

12 –  RECENTI ESTRATTI BANCARI, CARTE DI CREDITO, TRAVELLER’S CHEQUE E BUSTE PAGA, QUALORA DISPONIBILI.
Presentare da parte del cittadino cubano documentazione di eventuali conti correnti o buste paga per dimostrare la propria condizione socio-economica. In caso di versamenti dall’estero con posta pay, portare in Ambasciata la tessera in originale.

13 – ATTESTAZIONE D’IMPIEGO, LADDOVE APPLICABILE, CON LE SEGUENTI  INDICAZIONI:
a) dati anagrafici
b) funzioni svolte
c) data d’inizio del rapporto di lavoro e ammontare salario mensile
d) espressa autorizzazione a fruire di un periodo di ferie (precisando il numero dei giorni)
e) l’attestazione dovrà essere redatta su carta intestata dell’ente, contenerne l’indirizzo e il telefono ed essere firmata dal responsabile e convalidata con la firma dell’assessore
giuridico.

14 –  QUALORA I RICHIEDENTI NON SVOLGANO ALCUNA ATTIVITÀ LAVORATIVA,
SARÀ NECESSARIO DIMOSTRARE IL POSSESSO DI ALTRE FONTI D’INGRESSO.
a) nel caso in cui i familiari provvedano al mantenimento economico dei richiedenti: una
dichiarazione giurata del familiare davanti a un notaio, corredata di lettera del suo datore di lavoro o del libretto pensionistico;
b) ricevute bancarie delle rimesse provenienti dall’estero a favore dei richiedenti (da cui
appaiano chiaramente i nominativi dei beneficiari e degli ordinanti); in caso di ricevute bancarie nominali inviare copie delle stesse. In caso di posta pay: far conservare al cittadino cubano i comprovanti dell’operazione, inviare un’autocertificazione di mantenimento e l’estratto conto delle ultime operazioni. – Consigliato inviare
documentazione di almeno sei mesi prima dell’intervista (se in possesso)
c) nel caso di studenti, lettera dell’istituzione scolastica o universitaria firmata dal direttore, in originale e indirizzata all’Ambasciata d’Italia, contenente una breve descrizione dell’attività svolta dai richiedenti e l’autorizzazione a che gli stessi possano assentarsi per viaggiare in Italia per il periodo stabilito.

15 –  SE ESISTONO LEGAMI DI PARENTELA TRA L’INVITANTE E L’INVITATO/A, È
NECESSARIO DIMOSTRARLI PRESENTANDO I RELATIVI CERTIFICATI DI STATO
CIVILE CUBANI (LEGALIZZATI) OVVERO, PER STATI, QUALITÀ PERSONALI E FATTI RELATIVI A PROCEDIMENTI DI STATO CIVILE, GIÀ IN POSSESSO DELLA
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ITALIANA, CON DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI
CERTIFICAZIONE SOTTOSCRITTA DA PARTE DELL’INVITANTE ITALIANO/A
OVVERO DA PARTE DELLO/A STRANIERO/A RESIDENTE IN ITALIA.
Nel caso siano già stati presentati, in precedenza, i certificati di stato civile all’Ambasciata Italiana od in un altro ufficio pubblico italiano, basta una dichiarazione sostitutiva.

16 – IN PRESENZA DI RICHIESTA DI VISTO AVANZATA DAL CITTADINO ITALIANO
O DI ALTRO PAESE DELL’UNIONE EUROPEA RESIDENTE IN ITALIA, IN FAVORE
DI PARENTI ENTRO IL 2° GRADO, IN POSSESSO DEI REQUISITI RICHIESTI, IL VISTO VIENE RILASCIATO A TITOLO GRATUITO E ALLE CONDIZIONI PREVISTE
DAL DECRETO LEGISLATIVO 6 FEBBRAIO 2007, N. 30 AGLI ARTT. 2,3,5 E 7.

17 –  PER L’INGRESSO DI MINORENNI SONO REQUISITI NECESSARI:
a) certificato di nascita legalizzato dal MINREX, tradotto e successivamente legalizzato presso l’Ufficio Consolare dell’Ambasciata Italiana.
b) atto di assenso di entrambi i genitori naturali all’uscita dal Paese del minore, formalizzato davanti ad un notaio e legalizzato dal Minrex, ovvero davanti alla rappresentanza consolare italiana del luogo di residenza, se diverso da Cuba, di data non anteriore ai sei mesi precedenti, tradotto e successivamente legalizzato presso l’Ufficio Consolare dell’Ambasciata Italiana.
Il minore dovrà essere accompagnato da uno dei genitori ovvero, ove ciò non fosse possibile, da una persona maggiorenne dotata di procura speciale legalizzata dal Minrex o rilasciata dalla rappresentanza consolare italiana del luogo di residenza, se diverso da Cuba, di data non anteriore ai sei mesi precedenti;

This blog is monetized using Are-PayPal WP Plugin